L’intermodalità triestina si raddoppia su Norimberga

La pandemia ha reso evidente la necessità di strutturare la sicurezza della logistica degli approvvigionamenti, potenziando e sviluppando l’intermodalità. Un processo che, in anticipo sui tempi, il porto internazionale di Trieste sta implementando da tempo, grazie alla lungimiranza della governance…

HHLA PLT ITALY: 31 anni di concessione e la prospettiva di un grande sviluppo

Scadrà nel 2052 la concessione di 31 anni, formalizzata tra la Autorità di Sistema Portuale Mar Adriatico Orientale (AdSP MAO) e la HHLA PLT ITALY, nata dal socio di maggioranza Hamburger Hafen und Logistik AG (HHLA), dalla Casa di Spedizioni Francesco Parisi, dall’impresa…

La rotta ferroviaria Cina-Europa accelerata dal documento di trasporto intermodale

Nel 2020 sulla rotta ferroviaria Cina-Europa hanno viaggiato 12.200 treni merci, che hanno trasportato 1,14 milioni di teu, registrando un aumento rispettivamente del 50 e del 56% rispetto all’anno precedente. Questi viaggi hanno collegato oltre 60 città cinesi con i…

Continua la ricerca di una visione logistica-portuale comune. L’incontro organizzato da Isfort

Fra le tempestose vicende politiche del paese che pervadono di ulteriore incertezza il futuro, dai porti si sta alzando una nuova stagione di  dibattiti e confronti, di riflessioni e idee senza perimetri e paletti di competenze. L’insieme di più soggetti…

La contesa sino-statunitense sul porto di Sines. Ma il Portogallo guarda avanti

Posizionato strategicamente sull’Oceano Atlantico nel mezzo delle rotte transoceaniche commerciali battute dalle mega navi per i traffici internazionali Est-Ovest e Nord Sud, il porto artificiale in acque profonde di Sines, costruito negli anni ’70 del secolo scorso, è al centro…

Le grandi idee della presidenza portoghese per l’Europa

Dal 1° gennaio la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione Europea è passata dalla Germania al Portogallo, per la quarta volta dal suo ingresso in UE nel 1986. A condurla sarà il governo portoghese, espressione di minoranza del partito socialista,…

UE e Cina firmano un accordo di principio sugli investimenti diretti esteri

Dopo un percorso impegnativo, si sono conclusi positivamente tra l’Unione Europea e la Cina i negoziati per l’accordo di principio bilaterale Comprehensive Agreement on Investment (CAI), la cui rilevanza è soprattutto l’introduzione di principi e regole per gli investimenti europei…

L’idrovia E-40 unisce i mari ma allontana la sicurezza ecoambientale dall’Europa

Non si ferma la determinazione di Polonia, Bielorussia e Ucraina nel procedere nella realizzazione del megaprogetto idroviario internazionale E-40, del valore di oltre 13 miliardi di euro. L’idrovia collegherà i fiumi Vistola, Bug, Pina, Pripyat e Dnepr in un unico corso…

Il caos dei contenitori

Da una domanda ridotta al lumicino per i picchi della pandemia, generando masse critiche di container vuoti che i vettori marittimi cercavano disperatamente di stoccare sulle navi quanto negli spazi a terra, si è passati d’un botto ad un’altra eccezionalmente…

L’Ucraina e gli equilibri del Mar Nero

Il recente attivismo nel campo della difesa del Presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyj, eletto nello aprile 2019, sta rimarcando la forte impronta geopolitica antirussa dei paesi del Mar Nero, che, eccetto naturalmente lo Stato più grande del mondo, la Federazione Russa,…

Completato il corridoio Rail Freight Corridor Nord Sea-Baltic

Il corridoio ferroviario merci a scartamento standard europeo più settentrionale, il Rail Freight Corridor Nord Sea-Baltic (RFC NS-B), si è completato da pochi giorni con l’adesione formale di Estonia e Lettonia, che utilizzeranno le loro linee a scartamento di 1.520mm:…

Il primo finanziamento CEF nei trasporti lo conquista un porto: Antwerp

Ancora una volta i porti dimostrano di essere luoghi sinergici, culturali, sociali ed economici allo stesso tempo, in grado di vivere pienamente la storia che attraversano, e di elaborare e ricercare soluzioni ai problemi che le attività umane comportano.  Il…

Israele riprende ad occupare la Cisgiordania. E’ violazione del diritto internazionale per i Ministri europei

Dopo 8 mesi di sospensione, il governo di Netanyahu ha autorizzato la costruzione di oltre 3000 insediamenti e la regolarizzazione di altre unità abusive, per un totale di quasi 5.000 case sul territorio occupato cisgiordano, di sovranità dello Stato di…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: