Buon Anno 2021

L’Anno Nuovo non è solo un modo convenzionale di contare il tempo che passa, ma è anche un rito di passaggio catartico, che segna l’inizio di qualcosa su quel che è stato, di grande significato simbolico, collettivo e individuale.

Un tempo nella mia città, Napoli, poco prima della mezzanotte del 31 dicembre, dai balconi e dalle finestre volavano giù tutti gli oggetti scassati e logori, piccoli o grandi che fossero, per allontanare e liberarsi simbolicamente delle difficoltà, delle sofferenze e dei dispiaceri dell’anno che stava per finire.

E poi alla mezzanotte la città esplodeva collettivamente come un unico cuore di botti e fuochi per accogliere e richiamare l’attenzione del nuovo anno, avvisandolo contemporaneamente di stare attento a quel che avrebbe portato. Una manifestazione ed una prova di vita verso il futuro.

Con questo spunto, metaforicamente, che dalle finestre e dai balconi del mondo si gettino via la corruzione, la sudditanza, la manipolazione e che si saluti il Nuovo Anno con l’empatia, il rispetto, la coscienza.

C’è molto da fare, da riparare e da costruire; gli strumenti non mancano, ma il loro buon uso dipenderà dal grado di filantropia e di biofilia di ognuno. 

Senza il progresso globale non si andrà da nessuna parte.

Buon Anno 2021 a tutti!

Mari Terre Merci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: